Cultura NO TAV
Musica       Libri   E-book   Film/Documentari

 

Home
Chi siamo
Storia
Documenti
Fotografie
Cultura NO TAV
Download
Valle di Susa
Mapuche
Amianto
Foto cantieri
Link

.  Libri e pubblicazioni NO TAV - Valle di Susa

spazio

Canto per la nostra valle             di Chiara Sasso
Diario fra qualità della vita e prepotenza della velocità

Edizione Morra
Condove
Marzo 2002
Prezzo di copertina: € 15

Dedicato alla Val Susa, terra natia dell'autrice, contiene anche un significativo approfondimento della vicenda Alta Velocità in chiave locale.

Le mucche non mangiano cemento          di Chiara Sasso e Luca Mercalli
Viaggio tra gli ultimi pastori di Valsusa e l'avanzata del calcestruzzo
.
Edizioni SMS
Torino
Gennaio 2004
Prezzo di copertina: € 29
.
Il mondo degli alpeggi è oggi uno strano connubio tra i ritmi lenti ed essenziali di un tempo remoto, dai tratti quasi medievali, e le pressioni della tecnologia e dell'economia moderne, prive di limiti apparenti. Entrambe queste culture hanno qualcosa da imparare l'una dall'altra, ma il messaggio di fondo che ci giunge dai pascoli d'alta quota è il rispetto dei limiti imposti dall'ambiente. La crescita infinita dei consumi, è un mito pericoloso, non consentito dalle leggi della termodinamica. Il mondo sostenibile va a bassa velocità. Contiene pensieri di Beppe Corti (Università Politecnica delle Marche), Ermanno Zanini (Università di Torino), Giovanni Badino (Università di Torino e La Venta), Claudio Cancelli (Politecnico di Torino), Remo Castagneri (ASL 5 Torino), Mario Cavargna (Pro Natura Torino), Franco Del Moro (Ellin Selae, Murazzano), Carlo Gottero (Coldiretti Torino), e fotografie di Luca Giunti (Parco Orsiera-Rocciavrè)
(Societa' Meteorologica Subalpina, 2004).

.

Adesso o mai più      di Oscar Margaira
.                                                                                     IN VENDITA
Edizioni del Graffio
Borgone di Susa
Maggio 2005
Prezzo di copertina: € 10,00
.
Diario della formazione di una coscienza ambientalista e di un impegno civile contro il progetto di Alta Velocità Ferroviaria in Valle di Susa. Libro scorrevole e di facile lettura per chi si avvicina alla questione NO TAV. Disponibili, da scaricare gratuitamente, 6 capitoli integrativi.

Facce NO TAV                           Autori Vari, scritti di Chiara Sasso
L'opposizione popolare raccontata in 250 scatti                                  IN VENDITA
.
Edizioni Melli
Borgone di Susa
Dicembre 2005
Prezzo di copertina: € 17
.
I volti del popolo No Tav fermati dall’obiettivo e raccolti in un libro. Sfogliandone le pagine, si legge la storia della resistenza valsusina in queste «facce da presidio», come le chiama Chiara Sasso, che ha curato il volume.
Ci sono i presidi, gli striscioni, i trattori con le bandiere No Tav bianche e rosse, mamme e bambini in bicicletta, gli slogan [«Al ponte del Seghino non passa il celerino. Se arriva con l’affanno, picchetta con l’inganno»], le braciolate, e una serie di ritratti delle «truppe speciali anti-Tav» che indossano scolapasta di plastica con coroncine di fiori al posto degli elmetti per combattere contro le trivelle, a Bruzolo, a Borgone, a Venaus, a Mompantero, in tutta la valle. Nonostante la faccenda sia seria, la minaccia dell’uranio e dell’amianto e del disastro ambientale, quello che colpisce sono i volti sorridenti del popolo No Tav. Il perché lo spiega bene una delle tante mail raccolte, che dice: «Stesse sensazioni di quando mi innamoravo follemente di qualcuno, solo che stavolta sono davvero in troppi... l’età dovrebbe insegnare la moderazione ed invece davanti a questo delirio di valle è come aver fatto un bagno nella fontana dell’eterna giovinezza. Incredibile». Chi è stato il 16 novembre in Val di Susa avrà avuto un altro assaggio dell’energia No Tav che percorre la valle, «Perché c’è tutto: c’è l’amore per la vita. C’è la rabbia per una valle sempre più contaminata, sfregiata. C’è la fratellanza con persone che non conosci e camminano con te nella notte».

spazio
Un'estate speciale                       di Maria Chirio

Edizioni Melli
Borgone di Susa
Dicembre 2005
spazio

NO TAV. Cronache di una valle incazzata                  di Jacopo Giliberto Eugenio Giudice

Edizioni Neos-Tipolito Subalpina
Cascinevica
Dicembre 2005
Prezzo di copertina: € 10

Asterix e la battaglia di Venaus (fumetti)              

Edizioni Associazione Michael Gaismair
Vipiteno
Gennaio 2006

 

spazio

Le 100 ragioni contro il TAV        di Mario Cavargna

Edizioni il Graffio
Borgone di Susa
Gennaio 2006

NO TAV Cronache dalla Val di Susa      di Chiara Sasso
.                                                                                                                                    IN VENDITA
Edizioni Carta Intra Moenia
Gennaio 2006
Prezzo di copertina: € 10,65
.
Se vi siete chiesti come mai i grandi media abbiano parlato della Val di Susa come di un problema di ordine pubblico, di un rigurgito di egoismo locale, di chiusura e ignoranza di montanari estranei alla modernità e vi è venuto il sospetto che queste spiegazioni sono per lo meno inadeguate, allora questo libro fa al caso vostro. E' la cronaca di una battaglia che ha preso avvio nei primi anni novanta e che in queste ultime settimane ha conosciuto un forte rilievo nazionale.
Un diario che permette di capire e di conoscere a fondo il perché di una lotta in cui non sono in gioco gli interessi della sola comunità della Val di Susa ma un patrimonio di valori ambientali, economici e sociali che coinvolgono l'intero Paese.

spazio

L'autunno contro     Autori Vari
Cronache e immagini per non dimenticare
 

Edizioni Luna nuova
Avigliana
Gennaio 2006
Prezzo di copertina: € 10

Asterix e la tregua Olimpica              (fumetti)              

Edizioni NO TAV
Febbraio 2006

Tav in Valle di Susa                      di Marco Cedolin
un buio tunnel nella Democrazia                                          IN VENDITA
.
Edizioni Arianna Editrice
Febbraio 2006
Prezzo di copertina: € 10,50
.
In questo libro si analizzano i progetti, i costi e i benefici della costruzione delle linee ferroviarie per i treni ad Alta Velocità/Capacità, una serie di opere faraoniche che l'autore dimostrerà essere inutili dal punto di vista economico, ecologico e strategico. Opere per sostenere le quali la collettività sarà costretta a pagare oltre 2 miliardi di euro ogni anno almeno fino al 2040, impegnando in questo modo i nostri figli e nipoti ad una serie di sacrifici che con tutta probabilità non saranno in grado di sostenere.
Sarà analizzato, in ogni sua specificità, il progetto della linea ad Alta Velocità/Capacità Torino - Lione e si parlerà della lotta contro la TAV portata avanti dagli abitanti della Valle di
Susa, cittadini che stanno riscoprendo come lo Stato sia composto da tutti noi e non debba mai somigliare ad un'entità astratta che si muove sopra le nostre teste,decidendo il nostro futuro senza prima averci neppure interpellati.
Cittadini che sono riusciti a mettere in crisi l'intero sistema politico italiano con la sola forza dell'esercizio del libero pensiero. Osserveremo i mass media, asserviti ai grandi poteri politici e finanziari, plasmare la realtà a loro piacimento nel tentativo di creare necessità e bisogni fittizi che siano funzionali al perseguimento degli interessi superiori. Entreremo nel merito di come la democrazia rappresentativa sia riuscita a fondere insieme politica, finanza e grande imprenditoria, fino a creare un mostro che fagocita senza pietà tutto ciò che incontra sulla propria strada. Prenderemo consapevolezza di come la democrazia partecipata e le Municipalità siano l'unica risposta funzionale ad un nuovo modello di sviluppo che tenga conto dell'esigenza imprescindibile di riscoprire valori quali la qualità della vita e l'armonizzazione del rapporto dell'uomo con il proprio territorio.

NO TAV la valle che resiste      a cura del Centro Sociale Askatasuna e del Comitato di lotta popolare

Velleità Alternative autoproduzioni                                                          IN VENDITA
Torino
Febbraio 2006

Prezzo di copertina: € 10

Travolti dall'alta voracità      a cura di Claudio Cancelli, Giuseppe Sergi, Massimo Zucchetti
.
Edizioni Odradek

Roma

Marzo 2006
Prezzo di copertina: € 16,00

.

Un libro in cui non si motiva l’opposizione al progetto Tav in Val di Susa con argomentazioni “ecologiche”. Sono presenti anche queste, naturalmente, ma sono soltanto un corollario secondario, un “di più” in fondo quasi marginale. Qui si ricostruiscono con dovizia di dettagli sia l’architettura finanziaria del modello Tav che la sua assurdità industriale. Economisti, ingegneri, docenti di impiantistica, chimici e analisti degli appalti pubblici, fanno a gara nel vivisezionare un progetto che affonda le sue ragioni unicamente nell’insaziabile sete di “guadagno senza rischio” di una serie circoscritta di aziende con agganci storici nelle alte sfere della politica e dei ministeri. Fino all’incredibile esempio del ministro delle infrastrutture Pietro Lunardi, che con la mano pubblica firma i contratti proposti dalla sua mano privata (la Rocksoil e collegate) e poi, a voce, chiama la forza pubblica per sgomberare i picchetti che bloccano l’avvio dei lavori. Ne viene fuori un disvelamento pieno del “modello Tav” come spreco faraonico di denaro pubblico per i decenni a venire, per opere che mai potranno avere una proporzionale “profittabilità” economica e neanche una vera “utilità pubblica”. A cominciare dalla più grande delle menzogne: nel “modello Tav”, legalizzato dalla “legge obiettivo”, non concorre un solo euro di investimenti privati. Tutti i vantaggi sono assicurati ai “general contractors”, mentre tutti i rischi – la copertura dei costi crescenti e dell’indebitamento con le banche – è a carico del debito pubblico. Un modello che ha avuto critici di altissimo livello quasi immediatamente scomparsi dalla scena pubblica, come l’ex ministro Franco Reviglio (che lo definì “un motore da fuoriserie montato su una utilitaria”) e il manager di Stato Mario Schimberni (che usò una metafora analoga: “se uno ha una cinquecento che non funziona, non può pensare di risolvere il problema comprandosi una Ferrari”). Un modello avviato dall’ex ministro craxiano Claudio Signorile, perfezionato da Paolo Cirino Pomicino, portato a legalità forzosa da Silvio Berlusconi. Ma che non è mai stato messo in discussione dal centrosinistra, con la lodevole eccezione dell’ex ministro Claudio Burlando. Ne viene fuori un quadro in cui l’opposizione dei cittadini della Valsusa non ha nulla del localismo egoistico tipico della “sindrome Nimby” (not in my backyard), ma pone al contrario il problema di come interrompere una spirale di spesa crescente che peserà sulle future amministrazioni dello stato, ma soprattutto sulle generazioni a venire. Un’opposizione, perciò, di altissimo valore civile, che si muove nell’interesse generale del paese, oltre che in quello della comunità territoriale.
Questa è dunque un’opera indispensabile per chiunque voglia capire quali nuove strade percorra la “tangentopoli” del terzo millennio, ma anche la natura profondamente e radicalmente politica – nel senso più alto del termine – di ogni opposizione a questa follia.

Un libro che viene interamente dal mondo scientifico e della ricerca. Pesante come un macigno. Un libro contundente.

Tav: i perchè del NO      di Virgilio Bettini

.
Edizioni UTET

Marzo 2006
Prezzo di copertina: € 9,00

.

La popolazione della Val di Susa ha suggerito a politici refrattari e retorici, ad universitari chiusi nel loro sacro ed in parte dissacrato recinto, ad amministratori opportunisti, che la sostenibilità di una grande opera infrastrutturale può essere solo equilibrio, non scompenso, tra ecologia, economia e società.

Gli abitanti della Val di Susa pongono all’intera Europa, ed al nostro paese in particolare, un problema non irrilevante che non può essere affrontato se non in termini politici specifici: il problema di un territorio abitato da millenni, come le valli alpine, che oggi rischia di essere trasformato da un complesso fenomeno di urbanizzazione ed infrastrutturazione, mentre gli spazi residui, sottratti alla naturale configurazione, si trasformano in parco di divertimento temporaneo o stabile. Non scompariranno certo le vette, ma quello che presto potrebbe scomparire è la specifica organizzazione alpina dell’economia, della cultura e dell’ambiente, come si era storicamente configurata, stravolta da uno sfruttamento intensivo delle aree turistiche più ricche, da un’infrastrutturazione implacabile.

Dove sono le ragioni del si?                 di Antonio G. Calafati
La "Tav in Val di Susa" nella società della conoscenza                                   IN VENDITA

.
Edizioni SEB

Torino

Marzo 2006
Prezzo di copertina: € 10,00

Un'attenta critica al sistema di informazione in Italia. Cercare, insieme agli studenti di un corso di “Analisi delle Politiche Pubbliche”, le ragioni del sì alla Tav in Val di Susa nei principali quotidiani italiani, certi di trovarle. Magari solo delineate, abbozzate, con le approssimazioni che la comunicazione giornalistica non può evitare. Cercarle leggendo, con attenzione, editoriali e corsivi, interviste e cronache. Cercarle con determinazione, ma non trovare niente, niente che assomigli a una ragione, a una argomentazione razionale. Accorgersi, prima sorpresi e poi sconcertati, dell’incapacità di giornalisti e politici di organizzare un pensiero sul tema della Tav in Val di Susa che abbia un significato, una logica, un senso. Accorgersi di come giornalisti e politici siano, tuttavia, a favore dell’opera – risolutamente, ostinatamente, inspiegabilmente.
Iniziare cercando le ragioni del sì alla Tav in Val di Susa e terminare riflettendo, sconfortati, su che cosa possa essere accaduto ai nostri maggiori quotidiani. Giungere a pensare che, forse, il declino italiano nasce da qui, da questa incapacità del giornalismo italiano di fornire un resoconto attendibile, pertinente e fondato, degli effetti delle politiche pubbliche. Un giornalismo che ci impedisce di pensare collettivamente.

Agricoltura e ipotesi di sviluppo sostenibile in Val Susa         di Marcello Striano

Edizioni Melli
Borgone di Susa
Marzo 2006
Prezzo di copertina: € 15

Marcello Striano, nato a Torino il 25 maggio 1976, svolge la professione di agronomo in Valle di Susa, si occupa di agricoltura di montagna e rivalutazione dei prodotti agricoli montani.Non sono le autostrade, l'alta velocità o capacità che sia, i capannoni a garantire sviluppo e crescita economica, ma un uso equo e consapevole delle risorse naturali che normalmente sono presenti nel territorio. Chi predica a favore delle infrastrutture e dell'industria, lo fa solo perché lui stesso è vittima di una politica fallimentare iniziata in passato e che adesso non ha via di uscita se non si attuerà una forte inversione di tendenza, con alti costi che essa comporterebbe.
Non conviene infatti, nel breve periodo, attuare dei cambiamenti di politica economica, poiché per chi la controlla attualmente, i costi sono molto elevati.

TAV in Val di Susa: le ragioni di una lotta        di Giovanni Guastini

Edizioni Massari e centro di documentazione di Pistoia
Bolsena Viterbo
Aprile 2006
Prezzo di copertina: € 8

Per chi non partecipa alla lotta in Val di Susa ci sono tutte le informazioni (dalla storia della vicenda alle analisi di impatto ambientale, dalle questioni sanitarie alla cronistoria delle lotte). L'autore ha seguito personalmente la vicenda e in più ha un'esperienza come storico (sue pubblicazioni presso il Centro di documentazione di Pistoia, con cui questo libro viene fatto in coedizione). In appendice alcuni testi di giornalisti o personalità coinvolte, compreso uno "storico" appello alle forze di polizia.
 

Una bella storia      di Oscar Margaira
.                                                                                
Edizioni del Graffio
Borgone di Susa
Maggio 2006
Prezzo di copertina: € 10,00
.
"Volevano fare in fretta, ma non potevano riuscirci. Più passava il tempo più noi capivamo..." La lotta al Tav degli abitanti della Valle di Susa, dal marzo 2005 al gennaio 2006.
 

L'ABC dei NO TAV      del Gruppo consiliare Verdi di Torino
.                                                                                
Torino
Giugno 2006

 

 

La bandiera NO TAV nel mondo    Autori Vari introduzione di Chiara Sasso
Libro fotografico

Edizioni Melli - Quaderni Sarà Dura   
                                                        
Borgone di Susa
2006

 

La meta è il viaggio    di Fulvia Masera
La marcia verso Roma dal cuore di una donna

Edizioni Melli - Quaderni Sarà Dura   
                                                        
Borgone di Susa
2006

 

Sensibilità unificate per un futuro vivibile    a cura di Daniela Baldo

Edizioni Melli - Quaderni Sarà Dura   
                                                        
Borgone di Susa
2006

Ben 250 artisti provenienti da tutta Italia uniscono le loro tele a formare uno striscione artistico da guinnes dei primati. Libro fotografico a cura di Daniela Baldo e “Centro Promozione Arte e Arti” di Bussoleno, con la collaborazione del Movimento No TAV di Rivera
 

Presidiare la democrazia realizzare la Costituzione    Autori vari

Edizioni Melli - Quaderni Sarà Dura   
                                                        
Borgone di Susa
2006
Prezzo di copertina: € 5

Atti del seminario itinerante sulla difesa della Costituzione 12-13-14 dicembre 2005  Bardonecchia, Susa, Bussoleno, Condove. Quaderni dei presidi.
 

Mutuo soccorso                                                     di Chiara Sasso e Claudio Giorno
La Val di Susa si moltiplica: diario di due anni

Edizioni Carta Intra Moenia
Napoli
Gennaio 2008
Prezzo di copertina: € 10

Un racconto, un diario, su un fenomeno sociale e politico inedito. Dall'aggressione poliziesca a Venaus, alla fine del 2005, al 2007, il movimento valsusino contro l'Alta velocità ha proliferato in tutto il paese, stimolando l'insorgenza cittadina in centinaia di città.
Sono, come dice Tonino Perna, "i partigiani del XXI secolo", quelli che difendono la terra e la società da uno "sviluppo" distruttivo, e che reclamano e sperimentano una democrazia sostanziale.
Oggi si può dire "Tav Santo Subito" per le infinite possibilità di incontri e iniziative che si sono sviluppate.
Oggi comitati e movimenti sono riuniti nel Patto di mutuo soccorso.
 

Le ragioni del no                                                    di Donatella della Porta e Gianni Piazza 
Le campagne contro la TAV in Val di Susa e il Ponte sullo Stretto

Edizioni Feltrinelli
Università di Firenze e Catania
2008
Prezzo di copertina: € 10

Quelli contro la costruzione della TAV in Val di Susa e del Ponte sullo Stretto di Messina sono due casi assai significativi delle mobilitazioni contro la realizzazione di grandi infrastrutture che, in tempi recenti, sono diventate ben visibili e molto discusse in Italia e in Europa. Gli abitanti mobilitati in comitati e associazioni, insieme a centri sociali e gruppi ambientalisti, presentano la propria azione come una difesa di beni comuni e principi dal valore universale. Non si limitano semplicemente a dire no, ma elaborano anche proposte alternative basate su un diverso modello di sviluppo, promuovendo forme di partecipazione politica diretta e dal basso. Definiti spesso come localisti, questi gruppi costruiscono al contrario reti nazionali e sovranazionali, utilizzando forme di protesta dirompenti e canali politici istituzionali, diventando essi stessi attori politici con cui i governi locali, nazionali e sovranazionali devono sempre più fare i conti.

Fuochi nella notte                           a cura del Comitato NO TAV Spinta dal Bass e Spazio sociale libertario Takuma
Un inverno in movimento. Schegge di resistenza alla follia ad alta velocità.


Edizioni Centro di documentazione sulle Resistenze
Valle di Susa
2010
Prezzo di copertina: € 12

 

Questo lavoro racconta la storia di una lotta nel corso dell'ultimo anno. La lotta di persone comuni, contrapposte a organizzazioni capaci di fatturare miliardi di euro all'anno e di dominare territori vastissimi: una resistenza  alla mafia. Organizzazione con la quale le istituzioni hanno spesso dimostrato di colludere nella loro comunanza di interessi se non addirittura di metodi.
Le imprese scelte per la realizzazioni di grandi opere come l'alta velocità hanno infiltrazioni di stampo mafioso enormi.  Lo hanno ribadito giuristi, economisti, politici, missionari, avvisando il popolo no Tav dei rischi che corre nel contrapporsi a queste potenti realtà.
Ma di che cosa può avere paura un'organizzazione tanto potente? Quali possono essere gli strumenti per intaccarne la forza? La possibilità di capire come vanno le cose, il  venire a conoscenza di determinati eventi, l'intravederne i meccanismi può essere uno strumento potente. E in quest'ottica nasce questa raccolta: testimonianze di lotta pacifica e determinata di donne e uomini che credono nella forza delle loro idee.
Persone che praticano quotidianamente la democrazia diretta, fatta di piccole e grandi azioni come costruire e ricostruire un presidio, manifestare per le strade o bloccarle, opporsi alle trivelle, fare assemblee, informasi e informare e altro ancora…

Questa è la cronaca calda e vibrante di mesi fatti di notti insonni, di incontri e di scontri per la difesa di un territorio e del proprio futuro.

.  Altre pubblicazioni

Corruzione ad Alta Velocità        di F.Imposimato, G.Pisauro, S.Provvisionato
Viaggio nel governo invisibile
.
Koinè nuove edizioni
Prezzo di copertina: € 14,46
.
Cronaca di un grande scandalo: le manovre intorno all’Alta Velocità.
Tutte le società e i nomi degli imprenditori, pubblici e privati, implicati nella più grande inchiesta giudiziaria dopo tangentopoli.

Le grandi opere del Cavaliere        di Ivan Cicconi
.
Koinè nuove edizioni
2005
Prezzo di copertina: € 15,00

.
Silvio Berlusconi, in una nota trasmissione televisiva, di un noto conduttore, disegnava su apposite cartine le grandi opere che si impegnava a realizzare. Nella stessa trasmissione, il Cavaliere presentava agli italiani il garante di questo impegno: l’ingegnere Pietro Lunardi. Nel suo breve intervento, per rendere credibile la promessa, il futuro Ministro coniò la locuzione magica per garantire risorse finanziarie e certezza della realizzazione: "Adotteremo - disse - ‘il modello TAV’". Molti pensarono che la promessa del Cavaliere fosse solo propaganda. L’impegno assunto, invece, grazie all’adozione del modello TAV, è stato mantenuto. Il libro racconta la storia di questo modello, chi lo ha inventato veramente, che cosa effettivamente
sia, come funziona e quali saranno gli effetti della sua adozione nella realizzazione di quelle opere disegnate in quella lavagna, in quella famosa trasmissione, di quel noto conduttore.
 

Il libro nero delle olimpiadi di Torino 2006      di Stefano Bertone e Luca de Giorgis
.
Fratelli Frilli editori
2006
Prezzo di copertina: € 17,50

Il libro analizza la macchina organizzativa vista come un moloc che divora 3 miliardi di euro travolgendo interessi di ogni genere: preziose aree naturali invase da costosi ed inutili impianti sportivi; diritti di manifestazione e di critica impediti espressamente dalla 'costituzione” del C.I.O. Gli autori: Stefano Bertone, avvocato, vive e lavora a Torino. Luca Degiorgis, laureato in ingegneria meccanica, vive e lavora a Torino. Si occupa da anni di problemi di risparmio energetico e di sistemi di sfruttamento delle energie rinnovabili. Entrambi sono fondatori del Comitato Nolimpiadi.
 

Alta velocità. Valutazione economica, tecnologica e ambientale del progetto di Virgilio Bettini e Claudio Cancelli
.
Edizioni CUEN - Ecologia
1997

 

 

La storia del futuro di tangentopoli         di Ivan Cicconi
.
Edizioni DEI - Tipografia del Genio Civile
Prezzo di copertina: € 14,46

"Quando ho scritto La storia del futuro di Tangentopoli non immaginavo che il "modello Tav" potesse diventare legge dello Stato". Ivan Cicconi è un esperto di lavori pubblici, laureato in ingegneria, direttore generale di NuovaQuasco, un’importante società di ricerca sulla qualità degli appalti, è stato capo della segreteria tecnica dell’ultimo ministro dei Lavori pubblici, Nerio Nesi, nonché docente a contratto alla Sapienza di Roma e al Politecnico di Torino. Nel ’98 ha scritto un importante libro sul sistema delle tangenti nell’edilizia, indicando nei progetti per l’Alta velocità ferroviaria il futuro di Tangentopoli. Ma senza Mani pulite. Senza, cioè, la possibilità che la giustizia possa farci nulla. La chiave di volta veniva individuata in due nuove "figure" del mercato nostrano degli appalti pubblici, due figure importate dagli Usa e dal mondo anglosassone e "adattate" al caso italiano: il "general contractor" e il "project financing". Un binomio devastante per le casse pubbliche e per il Paese. Un binomio che consente al governo Berlusconi di perpetrare "una truffa ai danni dei nostri figli, nipoti e pronipoti"
 

Obiettivo decrescita        di Mauro Bonaiuti
.
Edizioni EMI
Bologna
2005
Prezzo di copertina: € 10

Anche in questa seconda edizione è stata mantenuta la divisione tra una prima parte, dedicata alle “ragioni” della decrescita, e una seconda dedicata ai “cantieri” della decrescita. Questo non certo per sottolineare la separazione tra teoria e prassi, quanto piuttosto per sottolineare il rilievo, a fianco delle riflessioni economiche, ecologiche, politiche, antropo-sociali e psicologiche, delle pratiche già in corso.
Il dialogo tra teoria e pratiche deve proseguire e farsi più stretto, affinché l’orizzonte interpretativo proposto possa ambire ad accogliere al proprio interno il maggior numero di esperienze possibili nell’ambito delle alternative al capitalismo globale.
 

Sobrietà        di Francesco Gesualdi
.
Edizioni Feltrinelli
2005
Prezzo di copertina: € 9

Dalla protesta a tutto campo alla proposta di un nuovo stile di vita che ci induca a evitare i tanti sprechi che costellano la nostra quotidianità.

Il mondo siede su due bombe: la crisi ambientale e quella sociale. Mentre le risorse si fanno sempre più scarse, alcuni segnali relativi al cambiamento del clima indicano che gli equilibri naturali si stanno alterando in maniera irrimediabile. Nel contempo sappiamo che la maggior parte della popolazione terrestre non riesce a soddisfare neanche i bisogni fondamentali: il cibo, l’acqua potabile, il vestiario, l’alloggio, l’istruzione di base. Ci troviamo di fronte a un dilemma angosciante: più crescita economica per uscire dalla povertà o meno crescita economica per salvare il pianeta? C’è un modo per coniugare equità e sostenibilità. La soluzione sta nel fatto che i popoli ricchi si convertano alla sobrietà, ossia accettino uno stile di vita, personale e collettivo, più parsimonioso, più pulito, più lento, più inserito nei cicli naturali, in modo da lasciare ai poveri le risorse e gli spazi ambientali di cui hanno bisogno. Varie esperienze individuali e di gruppo dimostrano che la sobrietà è non solo possibile ma anche liberatoria. Ma la sobrietà preoccupa per i suoi risvolti sociali. In primo luogo l’occupazione. Se consumiamo di meno, come creeremo nuovi posti di lavoro? Se produciamo di meno, guadagnando quindi di meno, chi fornirà allo stato i soldi necessari a garantire istruzione, sanità, viabilità, trasporti pubblici? In conclusione, è possibile vivere bene con meno? È possibile coniugare sobrietà con piena occupazione e garanzia dei bisogni fondamentali per tutti? È possibile passare dall’economia della crescita all’economia del limite, facendo vivere tutti in maniera sicura? Questo libro dimostra che è possibile purché si mettano in atto quattro rivoluzioni che riguardano stili di vita, produzione e tecnologia, lavoro ed economia pubblica.
 

La democrazia possibile        di Pierluigi Sullo
Il Cantiere del Nuovo Municipio e le nuove forme di partecipazione da Porto Alegre al Vecchio Continente

Edizioni Carta Intra Moenia
2007
Prezzo di copertina: € 16

Interventi di Agnoletto, Allegretti, Biagioni, Bulgarelli, Caccia, Cacciari, Charão, Ferraresi, Maggio, Magnaghi, Marchini, Marson, Martini, Medici, Morniroli, Paba, Picheral, Pieroni, Pizzolla, Pugliese, Rossi, Russo Spena, Scandurra, Serafini, Smeriglio, Sotgia, Ummarino, Veltroni, Ziparo
 

Bioeconomia     di Nicholas Georgescu-Roegen
Verso un'altra economia ecologicamente e socialmente sostenibile
 

Edizioni Bollati Boringhieri
Giugno 2003
Prezzo di copertina: € 28

Ciò che ha spinto a mettere i miei pensieri nero su bianco è la ferma convinzione che il motivo reale dell'azione militare in Iraq era il possesso e quanto meno il controllo dell'energia". L'autore presenta una nuova scienza che coniuga biologia ed economia compatibile con le leggi della natura.

 

Inciucio        di Peter Gomez e Marco Travaglio
Come la sinistra ha salvato Berlusconi. La grande abbuffata Rai e le nuove censure di regime, da Molière al caso Celentano. L'attacco all'Unità e l'assalto al Corriere
.
Editrice BUR
Prezzo di copertina: € 11,50
.
L’“inciucio” compie dieci anni. Il primo a parlarne fu Massimo D’Alema, nel 1995. Poi, in sei anni di governo, il centrosinistra evitò di risolvere il conflitto d’interessi e di liberalizzare il mercato televisivo. Risultato: informazione taroccata modello Tg1 e niente satira politica.
Dopo Regime, questo libro racconta le acrobazie parlamentari dei ne¬mici-amici del Cavaliere e le spartizioni “bipartisan” delle Authority e della Rai. Poi le nuove censure di regime contro Biagi, Santoro, Luttazzi, Freccero, Sabina e Corrado Guzzanti, Grillo, Paolo Rossi, Massimo Fini, Beha e altri militi ignoti; e gli attacchi a Report, Fo, Hendel, XII Round e così via, fino a Celentano & C. Senza dimenticare i giornali: la guerra a Furio Colombo e gli assalti estivi dei “furbetti del quartierino” al “Corriere della Sera”, con l’appoggio della finanza bianca, azzurra e rossa. Alla fine, una proposta di legge e un appello al governo che verrà: perché restituisca la televisione pubblica al suo vero padrone, il pubblico.

...

...

   Film e documentari NO TAV

.

NO TAV gli indiani di valle      di Adonella Marena
.                                                                                                       IN VENDITA
Produzione Overfilm
Prezzo: € 10
Anno: 2005
Durata: 54 minuti
Regia: Adonella Marena
Fotografia: Alberto Airola
Montaggio: Massimo Cellerino
Musiche: Davide Belistreri e Emmanuele de Paoli
.
NO TAV è una scritta che da anni appare su tutti gli angoli di un'intera valle. E' il grido della valle di Susa, tra il nord-ovest d'Italia e la Francia.
Cosa significa? L'opposizione all'Alta Velocità, una delle grandi opere europee decisa dai vertici delle lobbies economiche in nome del Progresso.
Cittadini e sindaci in un irriducibile movimento trasversale denunciano con ogni mezzo gli effetti devastanti del faraonico e inutile progetto: la morte di un'intera valle, avvelenata dall'amianto, prosciugata e trasformata in un corridoio di servizio.
.

.

Il cartun d'le ribeliun                         di Adonella Marena
da Venaus a Roma a passo d'uomo


Produzione Don Qixote/Djanet Film
Prezzo: € 10
Anno: 2008
Durata: 85 minuti
Regia: Adonella Marena
Fotografia: Fabio Colazzo Adonella Marena
Montaggio: Marco Duretti Dario Castellini
Musiche: Davide Belistreri
.
Una mattina d’estate 2006 da Venaus in Val di Susa parte una marcia, che percorrendo in 15 giorni 800 chilometri, arriva a Roma. A piedi, in treno, in bici, la marcia a bassa velocità del movimento notav esce dalla valle per far conoscere le ragioni della sua opposizione all’Alta Velocità e ai faraonici progetti delle cosiddette grandi opere.
Per strada i marciatori incontrano persone, luoghi, eventi e bande musicali; raccolgono le voci di molte comunità, costrette a subire scelte spesso inutili, costose o devastanti sul proprio territorio: caricati su un carro-risciò, che viene chiamato il cartun d’le ribelliun,
decine di documenti arrivano a Roma per essere consegnati da una delegazione al parlamento.
E’ la storia di un’utopia contagiosa, che parte da una concreta e straordinaria esperienza di democrazia partecipata, da un piccolo paese tra le montagne, per incontrare nel cammino fino a Roma i volti di un’Italia che desidera ritrovare il senso della comunità e non si piega al pensiero unico di questo modello economico.
.

Fratelli di TAV
Effetti collaterali del treno ad alta velocità
.
Regia: Manolo Luppichini, Claudio Metallo
Anno di produzione: 2008
Durata: 60'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
Produzione: Teleimmagini, Candida TV

Vedi il documentario
Vedi il supporto web al documentario

Una video-inchiesta sull'impatto del "Treno ad Alta Velocità" lungo la penisola italiana. Il megaprogetto del treno che dovrebbe unire l’Italia all’Europa s’è apparentemente fermato in Val di Susa, ma le tratte Roma/Napoli, Bologna/Firenze, Milano/Bologna sono state inaugurate o lo stanno per essere. Ma a caro prezzo.
In Italia, ovviamente, in un affare da milioni di euro ci ha messo lo zampino la criminalità organizzata, che oltre ad aggiudicarsi i lavori, sfrutta il sistema di appalti e subappalti tipico dell’edilizia pubblica italiana degli ultimi quarant’anni. Lo stesso sistema utilizzato per la ricostruzione post terremoto del 1980 in Irpinia. L’operazione è stata ulteriormente facilitata da quando sono stati introdotti i "General Contractors". Nel filmato si alternano contributi video raccolti in tutta Italia a succose interviste... (continua)

...il seguito di Fratelli di TAV
I peccati della Maddalena

Regia: Manolo Luppichini
Anno di produzione: 2011
Durata: 20'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
 

spazio

NO TAV fermarlo è possibile     a cura del Centro Sociale Askatasuna e del Comitato di lotta popolare
Cronache di una lotta popolare
.
Autoproduzioni Centro Sociale Askatasuna
Prezzo: € 8
Anno: 2006
Durata: 75 minuti

Le voci, i volti, le immagini di una comunità in lotta, che si fa movimento, giorno dopo giorno, passo dopo passo. Le cronache della Valle di Susa in lotta, la Valle della battaglia del Seghino, la Valle che si è ripresa Venaus, la Valle che resiste.

 

spazio

L'immacolata ribellione      a cura di Candida TV - Teleimmagini

.

Ideato, realizzato e montato: Candida TV - Teleimmagini

Anno: 2006
Durata: 20 minuti

..
Video documentario sui giorni caldi di Venaus e sulla risposta data dalla Val Susa allo sgombero operato dalle forze dell'ordine il 6 dicembre 2005.
Scaricabile qui

 

spazio
spazio

E' in arrivo un treno carico di...      a cura di Arcoiris.TV

.

Ideato, realizzato e montato: Gianni del Corral

Anno: 2006
Durata: 35 minuti

..
Video documentario sui problemi di amianto e uranio in Val Susa con interviste a vari esperti di queste problematiche e all'assessore regionale all'ambiente della regione Piemonte.
Scaricabile qui

  Cd e muscia NO TAV

.

Stop that train
Decidere il nostro futuro è tutto quello che chiediamo                    IN VENDITA
.
Prezzo: € 5
.
La musica come mezzo per far passare le ragioni del NO TAV. Questo è stato lo spirito con cui si è realizzato questo CD, il tutto come sempre autofinanziato dai comitati. Hanno partecipato alla realizzazione di questo album gruppi della valle, della cintura di Torino e i 99posse.

.
 

    E-book

Nervi saldi                       a cura di Agenzia X
Cronache dalla Val di susa


2011             Scarica il file pdf