La storia del movimento
NO TAV

 
Home
Chi siamo
Storia
Documenti
Fotografie
Cultura NO TAV
Download
Valle di Susa
Mapuche
Amianto
Foto cantieri
Link
  • 09/02/02. Al carnevale della Valmessa sfila un grosso gruppo mascherato con annesso di banda: chi vestito da Pininfarina-Ghigo e/o manager delle ferrovie chi da Valligiano. Viene distribuito un volantino dove si contesta in modo ironico gli amministratori pronti a trattare opere compensative in cambio del passaggio del Tav.Organizza "Spinta dal Bass".

  • 23/02/02. Più di 1000 persone sfilano a Bussoleno per chiedere il contingentamento dei Tir e ribadire il NO AL TAV.

  • 11/04/02. Assemblea pubblica a Pianezza" Fermare il Tav si può". Partecipano più di 100 persone.Organizza il comitato spontaneo contro il G8 pianezzese.

  • 12/04/02. Più di 100 valsusini presidiano la prefettura di Torino in occasione della presentazione del tracciato da parte delle ferrovie ai comuni valsusini (dopo 10 anni di richieste). (Volantino)

  • 23/04/02. La comunità montana approva all'unanimità un ordine del giorno dove si ribadisce la netta opposizione al Tav. Da sottolineare che tutti i partiti valsusini dell'arco costituzionale votano lo stesso documento.

  • Fine aprile 2002. Esce nelle librerie il libro di Chiara Sasso "Canto per la nostra valle" diario fra qualità della vita e prepotenza della velocità. Tutta la storia dell'opposizione al Tav in Valle di Susa.

  • 10/05/02. Avigliana, davanti a un folto pubblico e agli amministratori della Valle di Susa, viene presentato ufficialmente il libro di Chiara Sasso "Canto per la nostra valle" diario fra qualità della vita e prepotenza della velocità.(Articolo)

  • 11/05/02. Avigliana Piazza del Popolo: più di 1500 giovani partecipano alla "Festa di Primavera" contro il Tav e a favore dell' ospedale di Avigliana che si vuole smantellare. Organizza Spinta dal Bass (Articolo).

  • 13/05/02. Torino, Istituto tecnico Avogadro-La Comunità Montana Bassa Valle di Susa, presenta per la prima volta in città lo studio Polinomia, vengono invitati i vertici delle ferrovie e le massime autorità politiche (Vedi volantino). Naturalmente nessuno di essi si presenta, nessun giornale riporta la notizia e naturalmente il Tg3 Regionale non fa cenno. Tutto purtroppo previsto.
     

  • .
  • 20/05/02. Arriva ad Avigliana il ministro forzista Enrico della Loggia accompagnato dal deputato Osvaldo Napoli e da un codazzo di loro amici, la scusa è un dibattito sulle grandi opere. Festa rovinata: i comitati anti-tav contestano duramente il ministro e l'onorevole portaborse.
     

  • .
  • 27/05/02. Elezioni ad Avigliana, contro ogni pronostico vince il centro-sinistra più Rifondazione con la Mattioli sindaco. L' esponente proposto da Spinta dal bass prende 139 preferenze ed è il terzo più votato della lista. Vincono la democrazia, la solidarietà,  la lotta contro il Tav e contro la chiusura dell' ospedale di Avigliana.
     

  • .
  • Fine maggio la comunità montana viene in possesso di uno studio commissionato dalle Ferrovie al Politecnico dove sono state fotografate le case dei valsusini da abbattere.
     

  • .
  • 30/05/02. 500 persone (molto incazzate) prendono parte all'assemblea pubblica sul tracciato del Tav a Caprie. Il paese sarà tra i più martoriati: 3 cantieri,un viadotto 2 gallerie e un interconnessione con la vecchia linea che taglierà in due il paese.

    

 TORNA ALL'ELENCO DELLE DATE